La perseveranza nei giovani

6 Luglio 2020
Fonte: Distretto d'Italia

La perseveranza dei nostri giovani è il problema "chiave" che dobbiamo affrontare

Qualche tempo fa è stato condotto da un sacerdote della Fraternità uno studio sul tasso di perseveranza nella pratica della fede tra i giovani in alcune delle nostre cappelle a nord delle Alpi. Si tratta di poco più di 200 giovani, ragazzi e ragazze, per un periodo di 17 anni (1985 - 2002). Perché la perseveranza dei nostri giovani è davvero un problema generale che dobbiamo affrontare, sia sacerdoti che genitori. La fede è un dono soprannaturale, e chi dice "dono" dice qualcosa di ricevuto e che, quindi, può essere perso. In così tante delle nostre famiglie, pochi giovani perseverano, cioè continuano a praticare seriamente la loro fede quando raggiungono l'età adulta. Quindi cosa dovremmo fare per assicurarci che continuino a praticare la loro fede e rimanere sul sentiero arduo e stretto che conduce al Cielo? I genitori devono essere consapevoli di ciò che segna di più i giovani nei loro anni formativi e agire di conseguenza.

Questo studio tiene conto precisamente dei vari elementi principali che hanno avuto un ruolo nella formazione di questi giovani: la famiglia, la pratica del padre, la scuola, il movimento giovanile.

Cominciamo con la vita a casa: l'85% dei bambini in un matrimonio armonioso continua a vivere la propria fede, mentre il 58% dei giovani in un matrimonio non sereno non la pratica più.

Anche l'influenza del padre è un fattore importante: l'80% dei giovani il cui padre pratica regolarmente rimane fedele, mentre dove il padre non pratica affatto, l'84% dei loro giovani fa lo stesso.

Per coloro che hanno ricevuto tutta la loro istruzione nelle nostre scuole: l'85% continua a praticare, quindi solo il 15% ha abbandonato. D'altra parte, per coloro che non sono stati istruiti nelle scuole della Tradizione, il 61% ha persino abbandonato la messa domenicale.

Per coloro che hanno partecipato attivamente a un movimento giovanile (stile MJCF in Francia o KJB per il mondo tedesco), il 92% continua a praticare, e per coloro che non ne hanno fatto parte, il 61% non pratica più.

E quando mettiamo insieme questi tre criteri - un matrimonio armonioso, una scuola tradizionale e un movimento serio di giovani - arriviamo a una perseveranza del 98,6% tra questi giovani! È impressionante! Solo l'1,4% dei giovani che sono stati influenzati da questi tre potenti elementi non pratica più. Qui potest capere, capiat! Chi può capire, capisca!

Ciò che trascende queste tre aree, famiglia, scuola e veri amici, è senza dubbio la pratica della virtù basata sul sacrificio e lo sforzo, la formazione della volontà e del carattere. Questo studio (del confratello) termina qui, in queste tre aree, ma si potrebbe anche aggiungere la percentuale di vocazioni nate da questi tre gruppi. Quali sono le cause più influenti per il risveglio delle vocazioni? La famiglia viene prima di tutto, seguita dalla scuola e da gruppi seri di giovani.

Poco dopo Natale 2018, il nostro Superiore Generale ha fatto specifico riferimento a questo, dando una delle chiavi al mistero della vocazione:

«Sono convinto che la vera soluzione per aumentare il numero di vocazioni e la loro perseveranza non risieda in primo luogo nei mezzi umani e, per così dire, "tecnici ", come bollettini, viaggi apostolici o pubblicità. Prima di tutto, una vocazione deve emergere da una casa in cui si ami Nostro Signore, la sua croce e il suo sacerdozio; una casa dove non si respira amarezza o critica dei sacerdoti. È per osmosi, col contatto con genitori e sacerdoti veramente cristiani profondamente intrisi dello spirito di Nostro Signore, che una vocazione viene risvegliata. È qui che dobbiamo continuare a lavorare con tutte le nostre forze. Una vocazione non è mai il risultato di un ragionamento speculativo, né di una lezione che abbiamo ricevuto e con cui siamo intellettualmente d'accordo. Questi elementi possono aiutare a rispondere alla chiamata di Dio, solo se seguiamo ciò che abbiamo detto prima».

Un'anima che vuole dedicarsi a Dio vuole dedicarsi per il fatto stesso all'opera della Redenzione, alla salvezza delle anime. Ora la Redenzione è stata fatta dalla Croce di Nostro Signore Gesù Cristo. Quest'anima deve quindi avere la volontà di sacrificarsi per questa causa sublime, deve quindi avere lo spirito di sacrificio, di rinuncia, è inevitabile. E, afferma giustamente don Davide Pagliarani, deve prima venire dalla famiglia, dall'esempio dei genitori, dall'amore della Croce nei cuori dei genitori. Questo è esattamente ciò che mons. Lefebvre ha predicato 40 anni fa a in occasione del Giubileo d'oro della sua ordinazione. Dopo aver descritto i frutti della Santa Messa specialmente in Africa, ritorna alle ragioni profonde della trasformazione della società grazie alla Santa Messa: «è il sacrificio».

«La nozione di sacrificio è una nozione profondamente cristiana e profondamente cattolica. La nostra vita non può fare a meno del sacrificio da quando Nostro Signore Gesù Cristo, Dio stesso, volle prendere un corpo come il nostro e dirci: "Seguitemi, prendete la vostra croce e seguitemi se volete essere salvati", e che ci ha dato l'esempio della morte su la croce, che ha versato il suo sangue ...».

«La comprensione del sacrificio nella propria vita, nella vita di tutti i giorni, la comprensione della sofferenza cristiana, non considerare più la sofferenza come un male, come un dolore insopportabile, ma condividere le proprie sofferenze e la propria malattia con le sofferenze di Nostro Signore Gesù Cristo, guardando la croce, partecipando alla Santa Messa che è la continuazione della Passione di Nostro Signore sul Calvario».

«Comprendere la sofferenza, così la sofferenza diventa una gioia, la sofferenza diventa un tesoro perché queste sofferenze unite a quelle di Nostro Signore, unite a quelle di tutti i martiri, unite a quelle di tutti i santi, di tutti i cattolici, di tutti i fedeli che soffrono nel mondo, uniti alla Croce di Nostro Signore, diventano un tesoro inesprimibile, un tesoro ineffabile, diventano di straordinaria efficacia per la conversione delle anime, per la salvezza della nostra anima. Molte anime sante, cristiane, hanno desiderato persino soffrire, desideravano la sofferenza per unirsi maggiormente alla croce di Nostro Signore Gesù Cristo. Questa è la civiltà cristiana».

Ognuno di noi si impegni su questa strada, e vedremo i nostri giovani perseverare e sbocciare molte vocazioni!

Fonte: Lettre aux amis et bienfaiteurs - Janvier 2019